Celiachia: sofisticazione alimentare o involuzione della specie?